Make your own free website on Tripod.com

ALLENATORE

ANDREA BIANCO www.coach.tripod.com

Sono nato il 1 Maggio del 1963 a Jesolo Lido, in provincia di Venezia, Italia, e solo il maggiore di 3 figli. Mio fratello Giuseppe é il presidente del fan club italiano di Leonardo Paez, che si sta fondando in questi giorni e che sono sicuro crescerá velocemente.

Ho cominciato la mia attivitá sportiva nel lontano 1980, nella categoria junior. Dopo 5 anni di allenamenti e gare ho capito che il ciclismo di alto livello non sarebbe stata la mia professione e mi sono dedicato ad altro. Dopo qualche anno decisi di studiare per diventare un miglior allenatore di quello che ero stato come ciclista.

Il mio incontro con il mountainbike risale al 1992, quando durante un allenamento nelle colline del Giro dei Chilterns, in Inghilterra, dove stavo vivendo, sono stato sorpassato in salita da Paul Lasenby. Paul era uno dei piu`forti bikers inglesi degli anni novanta e da quel momento é nata una amicizia che ancora dura.

Fino all’ anno 1996 ho aiutato Paul con il suo allenamento e qualche volta come D.S. della sua squadra, la Marin-Mercedes. Per potermi allenare con lui, durante i freddi e nevosi inverni inglesi, ho cominciato a usare una mountainbike e cosí é cominciata la mia incursione in questa disciplina come corridore e come allenatore.

Oggigiorno gareggio ogni tanto tra i masters nel mountainbike con gli stessi modesti risultati di quand’ ero stradista e invidio, (sana invidia!) quando li vedo sul podio, Silvano Janes e Giancarlo Paperini.

SCHEDA TECNICA

Nato 1 Maggio del 1963 a Jesolo Lido (Venezia- Italia)
Altezza: 174 cm. Peso: 66 Kg.
Percentuale grasso: 6.5%
Watts in soglia: 330
Relazione peso/potenza: un normale 5 (qualche volta in Colombia, mentre mi alleno ai 2600 metri di altura di Bogota sono stato sorpassato in salita da contadini con stivali che vanno al lavoro in bicicletta!)
Vo2max: 61.5 ml/kg/min
Anni di attivitá: forse troppi
Caratteristica tecnica: succhia ruote
Allenatore: Andrea Bianco (www.coach.tripod.com) dall`anno 1992; sto pensando di cambiarlo visti i mediocri risultati.
Team 2006 in Colombia: Hidrofix-Montana Broadster (conosco i propietari!)
Team manager e allenatore:
2000 Team Cundinamarca, Colombia.
2001-2005 Team Idrd Bogota, Colombia.
2006 Team Inderportes Boyaca, Colombia
Dal 2004 D.S. Nazionale MTB Colombia.
Studi accademici e corsi sullo sport: vedi pagina web

Dice Leonardo Paez di Andrea:

“Non ricordo la data esatta, peró so che era il mese di Giugno del 2001 e stavamo gareggiando in una prova regionale in Bogotá.
Era una delle mie prime gare e mi sono iscritto in una categoria per bikers esperti con piu` di 19 anni.
In questa corsa (che ho vinto) stava gareggiando Andrea Bianco, il D.S. della squadra di Bogotá.
Un paio di settimane dopo, Andrea mi ha telefonato per chiedermi se volevo entrare nella sua squadra.
Un mese dopo mi ha portato ai campionato nazionali per under 23, dove sono arrivato settimo.
Da allora stiamo lavorando insieme.
I risultati hanno cominciato a venire in modo consistente anno dopo anno.
In questo periodo ho imparato molte cose nuove sull’ alimentazione, sull ’allenamento e le tattiche di gara.Con Andrea abbiamo un obiettivo per i prossimi anni che é vincere una medaglia ai mondiali, nel marathon o nel cross-country, ed essere il primo biker colombiano a raggiungere questo risultato.
Per questa ragione ho firmato per le stagioni 2006-2007 con la squadra Full-Dynamix.”

Andrea Bianco su Leonardo:

“Dal primo momento che mi ha preso un giro in gara ho capito che questo mingherlino aveva del talento.
Analizzando la mancanza di metodo nel sue sessioni d’ allenamento si capiva facilmente che c’era un buon margine di miglioramento se si allenavano le componenti della forza e della velocitá.
Ma in sei anni in Colombia ho imparato che non sempre una predisposizione genetica per gli sports di endurance va insieme con la disciplina e l’ intelligenza per raggiungere dei risultati importanti. Potrei fare nomi di corridori con maggior talento di Leonardo che non hanno raggiunto il suo livello.
Certamente Leonardo ha delle doti naturali per questo sport e in piu` sta lavorando molto per migliorare i problemi nella tecnica di guida, causati dall’avere cominciato tardi con la mountainbike.
Leonardo é molto disciplinato nel seguire i programmi d’allenamento e nel gestire l’alimentazione in gara e fuori. Legge bene la corsa, raramente ripete lo stesso errore e ha molta fiducia nei suoi mezzi fisici.

PATROCINADORES

(Pulse aquí)